Italian Agile Day 2009 - Le mie impressioni

Un altro Agile Day è passato ed eccomi nuovamente a scrivere un sommario della mia esperienza.

Peter Stevens - Fixed Price Projects With Agile – It can be done!

Possiamo stimare a priori tempi e costi di un progetto agile? Possiamo applicare i metodi agili quando il costo ed il tempo sono scolpiti nella pietra? Certo, sarebbe bello poter vivere in un mondo in cui tutti i contratti fossero tagliati sul concetto di iterazione, di sviluppo incrementale. Purtroppo ci sono occasioni nelle quali dobbiamo stimare i costi, nei quali dobbiamo sapere se riusciremo a rilasciare entro una certa data, magari remota. Chi, ad esempio, sviluppa il software per gestire grandi eventi come i mondiali di calcio non può chiedere di spostare la data della finale perché lavora in un team agile e ha bisogno di una nuova iterazione per completare le storie!

Peter Stevens ritiene che lo sviluppo agile si possa adattare a queste situazioni, anzi che sia il miglior metodo da adottare. Questo perché è l'unico sistema per valutare in corso d'opera la velocità alla quale lo sviluppo si sta svolgendo.


Waterfall

Per affrontare progetti di questo tipo occorre però:

  • un cliente del quale fidarsi;
  • una pianificazione che lasci "cuscinetti" liberi nei quali compensare eventuali ritardi;
  • criteri certi (e automatizzabili) per determinare quando una funzionalità è conclusa;
  • criteri per stabilire l'importanza delle varie funzionalità per realizzare prima le storie più importanti e consegnare alla fine del progetto, quando la pressione è maggiore e le energie si esauriscono, le funzioni di minor rilievo;
  • un team esperto.
  • Maggiori dettagli sulla presentazione si trovano qui.

Alberto Brandolini - Possiamo fare di meglio

La presentazione mattutina di Alberto Brandolini è partita da una serie di provocazioni ad effetto sui seguenti temi.

  • Spesso si rompe il rapporto di fiducia tra il software e chi lo usa, sia egli un utente finale o chi fa parte dello stesso team di sviluppo. Scatta allora il meccanismo della "complessità compensativa", cioè degli strani trucchi per aggirare i comportamenti errati dei sistemi.
  • A volte gli sviluppatori accettano passivamente i requisiti che sono dati loro: ma chi dà questi requisiti è il vero esperto del problema, o, se lo è veramente, ha avuto modo di pensare ai requisiti in maniera critica? I requisiti non sono in alcuni casi semplicemente la mummificazione di un processo che potrebbe essere invece migliorato?
  • Nei progetti software può nascere quello che è stato definito "technical debt". Brandolini suggerisce una metafora più calzante per questa progressiva deriva nella qualità del codice: inquinamento, ovverosia un processo estremamente dannoso, difficilmente reversibile e con un tempo di riparazione incalcolabile.
  • A volte lo sviluppatore non ha abbastanza umiltà per capire di dover approfondire il dominio da un punto di vista non semplicemente informatico.

Dopo aver introdotto questi spunti di discussione, Brandolni ha lasciato la parola all'uditorio. L'esito di questo esperimento di "terapia di gruppo" a mio avviso non è però stato brillantissimo: purtroppo non è emerso molto di interessante, se non una collezione di aneddoti sul nostro lavoro.

Pietro Brambati - ASP.NET MVC: Programming & Testing

Dato che prima del pranzo non mi sembrava vi fossero relazioni degne d'interesse, mi sono infilato nell'auletta dedicata alla presentazione dell'ambiente di test creato per .NET MVC. Io odio gli strumenti di sviluppo Microsoft!!! Questo mio sentimento nacque anni fa quando Visual Basic 6, con un fantastico "Il controllo OCX non è registrato correttamente", mi fece affogare in un oceano marrone nel bel mezzo di una demo ad un centinaio di persone. Nonostante questo, mi è sembrato che il supporto di Microsoft ai test unitari sia discreto e che l'oratore, molto preparato, sia riuscito a dare a i colleghi della sponda Microsoft un buon numero di informazioni utili su come scrivere codice in modo più efficace. L'impressione comunque è che con questo prodotto Microsoft stia svolgendo un diligente compitino per conquistarsi la medaglietta "agile" e la relativa fetta di sviluppatori.

Alberto Quario - Scenario testing

Questo è forse stato l'intervento più interessante della giornata. All'Agile Day si è molto parlato di processi, ma ci si è un poco scordati del codice. Alberto Quario ci ha riportati nel cuore del problema, citando le parole di Gerard Meszaros: I test possono diventare il collo di bottiglia dei processi agili. (Ma allora non le sparavo così grosse quando parlavo dei test come palle al piede!). Uno dei principi da seguire per evitare che i nostri test divengano dei mostri incomprensibili, difficili da scrivere, leggere e manutenere è il seguente: nel corpo del test deve andare tutto e solo quanto è strettamente necessario per la sua comprensione.

Alcuni consigli sono quindi:

  • radunare in metodi dal nome esplicito (operational methods) i dettagli di inizializzazione dello scenario del test
  • se il test prevede, come nel caso si utilizzi DBUnit l'uso di file di inizializzazione, magari in XML, parametrizzarne la creazione rendendone chiaro l'intento all'interno del test

Francesco Mondora: vivere in un angolo proattivo

Francesco Mondora nel corso della sua presentazione ha detto di apprezzare eventuali riscontri da parte del pubblico. Ecco quindi il mio, che è purtroppo negativo. Il tema trattato mi è apparso fumoso, ed il tono ieratico utilizzato era probabilmente fuori luogo. Ma forse il problema è solo mio che non sono riuscito a capire cosa si volesse comunicare...

Alberto Brandolini - Introduzione al Domain Driven Design

Ecco un'altra gran bella sessione, nella quale Brandolini ha descritto con abilità e preparazione i principi del Domain Driven Design.

Entrare nel dettaglio di quanto visto è molto difficile, data la mole di informazioni trasmesse. Mi piacerebbe comunque segnalare il concetto di Bounded context, ossia il limite entro il quale il significato di un'astrazione del dominio è non ambigua, o, per usare una visione più orientata al codice, il limite di applicabilità di un gruppo di classi del sistema. Mi sono imbattuto in questo problema quando, nella mia presentazione su Scala, ho parlato di oggetti che ingrassano a dismisura. Da quanto ho capito, anche nel DDD ci si occupa di questo problema, ma da una prospettiva "sistemica": occorre definire l'ambito entro il quale è opportuno riutilizzare il codice che definisce un'astrazione. All'esterno di tale ambito è meno costoso riscrivere parte delle astrazioni ed accettare una certa duplicazione nei sistemi. Il tema, interessante e complesso, è alla base del fallimento di grandi utopie Object Oriented come il progetto San Francisco di IBM. Anzi, a mio avviso mette in discussione tutti i miti dell'Object Orientation a partire dalla riusabilità, ma forse converrà parlarne in un'altra occasione.

Conclusioni

Anche quest'anno l'Italian Agile Day non ha deluso le aspettative: relazioni quasi tutte di altissimo livello, con l'apprezzabile idea di aprire a contributi internazionali. Se proprio si vuole fare un piccolo appunto, si dovrebbe parlare di un'eccessiva enfasi posta sugli aspetti di processo a scapito delle sessioni "pratiche", anche se, come avete potuto leggere, i "puri" sviluppatori come me non hanno avuto occasione di annoiarsi.

Grazie a Marco Abis ed ai ragazzi dell'XPUG Bologna per l'enorme e riuscitissimo sforzo organizzativo.
(Ah, avete già donato qualcosa all'Agile Day? ;-) )

3 commenti

  1. Andrea Cerisara:

    Grazie Franco per aver condiviso la tua esperienza, bel sunto :-)

  2. Franco Lombardo:

    Per chi volesse maggiori informazioni sulla presentazione di Alberto Quario, ecco le slide e due articoli: Object Mother: Easing Test Object Creation in XP e Test Data Builders: an alternative to the Object Mother pattern

    Grazie ad Alberto per la segnalazione.

    @Andrea. Sono contento che il post ti sia piacuto. Spero di incontrarti di persona a qualche meeting dell XPUG di Milano.

  3. pino:

    Grazie Franco per questo riassunto…mi fai sembrare di esserci stato ;-)

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.